A filo d'erba... Domenico Criscito

Scritto il 17/05/2021
da Pino Lazzaro

 Mi ritorni in mente 




Me la vado a rivedere
La prima partita a cui penso, che proprio non dimentico, è un derby contro la Sampdoria, vinto 3 a 1, tripletta di Milito. A parte il fatto del derby, che comunque vuol dire, ricordo quella partita soprattutto per quell’atmosfera speciale che s’era creata e dentro me la rivedo quell’ultima azione oltre il 90’, in due contro il loro portiere, con la gente che lì sugli spalti già esultava. Ancora capita che me la vado a rivedere quella scena…


Messo in croce da Totti
Quella invece che vorrei rigiocare è un Roma-Juventus di parecchi anni fa, io con la Juve e quanto mi hanno messo in croce perché Totti ci aveva fatto gol ed ero stato io ad “aiutarlo”: ero andato d’istinto, dovevo saper aspettare e non l’ho fatto, ora magari con più esperienza ci sarei andato più piano, ecco perché la vorrei rigiocare.



Gol-vittoria
Un gol
che ho fatto e che mi è proprio piaciuto è stato quello di due anni fa contro la Lazio. Al 93’, sotto la curva nord, gol-vittoria: palla ribattuta e io da fuori area, palo-gol. Nel ricordo che ho, vedo ancora la gente lì a rimbalzare sugli spalti, senza capire più niente, mi sono anche levato la maglia quella volta.


Il "nostro" Ferraris
Lo stadio dove più mi piace giocare è il nostro, il Ferraris, quello di prima però, non quello di adesso, così vuoto. Sì, ormai ci siamo anche un po’ abituati, certo che i tifosi mancano proprio tanto.

Quello invece che ancora mi manca, in cui mi piacerebbe giocare, è lo stadio che da piccolo vedevo in televisione con mio padre, l’Old Trafford di Manchester”.