Indennità di fine carriera: modalità di ritiro

Scritto il 08/03/2022
da Stefano Sartori


Dal 1° gennaio 1975 esiste un apposito "Fondo" al quale affluiscono i versamenti che devono essere effettuati dalle società di Serie A, B e C1 a favore dei calciatori nella misura del 7,50% dello stipendio lordo mensile (6,25% a carico della società; 1,25% trattenuti al giocatore), fino ad un massimale che varia anno per anno in base agli indici ISTAT.

Al termine della carriera, o comunque quando, pur essendo tesserato per una società dilettantistica, non intende più svolgere attività a livello professionistico, il calciatore ha diritto di richiedere la liquidazione di quanto accantonato presso il Fondo.

L’attuale procedura online consente al calciatore la visualizzazione della propria posizione contributiva e, soprattutto, il ritiro dell’indennità accantonata, per effettuare la quale è necessario collegarsi al portale www.fondocalciatoriallenatori.com/iscritti utilizzando le credenziali di accesso che verranno fornite a tutti i calciatori professionisti con le seguenti modalità:

-    Calciatori in attività: le password vengono consegnate dalle società con le quali sono attualmente tesserati oppure richieste direttamente all’AIC utilizzando la domanda standard allegata;

-    Calciatori non più in attività: le password vanno richieste direttamente al Fondo utilizzando, anche in questo caso, la relativa domanda allegata.

Va precisato che, in entrambi i casi, la procedura di ritiro è totalmente gratuita.

Per qualsiasi ulteriore chiarimento o per approfondire le modalità di ritiro, l’AIC mette a vostra disposizione il link “Fondo Fine Carriera” presente nel sito www.assocalciatori.it, alle voci “Normativa – Professionisti”; in alternativa, potete contattare la nostra Segreteria allo 0444 233233.

Nella sezione "Per Te"/Documenti troverai a tua disposizione gli allegati