Calciatore del mese Serie B marzo 2022

Scritto il 01/04/2022
da L'Ultimo Uomo


Dopo un anno alla Sampdoria, da gennaio 2021 a gennaio 2022, tormentato dagli infortuni e con un solo gol in 16 presenze, Ernesto Torregrossa sembra aver trovato la pace a Pisa (dove è arrivato a inizio febbraio, in prestito con obbligo di riscatto fissato a 3 milioni). In due mesi ha segnato già 6, di cui 5 in altrettante partite giocate a marzo. Dopo un breve momento di appannamento a febbraio, che gli era costato il secondo posto, il Pisa ha vinto quattro partite, tra cui quella con la capolista Cremonese, che ha giocato una partita in più e oggi è distante un solo punto, a cui Torregrossa ha segnato due gol di cui il primo su rigore. Nella sola partita del mese in cui D’Angelo lo ha fatto partire dalla panchina per farlo riposare, contro l’Ascoli, il Pisa ha perso. 



Libero da problemi al polpaccio che lo hanno fermato la scorsa stagione e nella prima parte di quella in corsa, Torregrossa è diventato subito centrale nel gioco del Pisa, sia per il “peso” sotto porta che per l’abilità nel gioco di raccordo. Torregrossa si divide i compiti con il compagno d’attacco - Puscas, occasionalmente Lucca - vincendo i duelli aerei e conservando palloni fondamentali per far salire la squadra. Sotto porta, poi, ha il dono di sparire dal raggio visivo dei difensori per riapparire al momento e al posto giusto per colpire la palla e segnare gol decisivi. Certo, la promozione diretta non è scontata vista la concorrenza, ma le speranze del Pisa passano soprattutto dallo stato di forma di Torregrossa