Calciatore del mese Serie A maggio 2022

Scritto il 01/06/2022
da l'Ultimo Uomo


Nessuno in Serie A ha deciso in questo modo la parte finale del campionato come Rafael Leao. 6 assist e 3 gol nelle ultime sei partite, e tutti importanti: il gol che dopo nove minuti ha sbloccato la partita con il Genoa, dopo i due pareggi consecutivi con Torino e Bologna che avevano messo in dubbio la capacità del Milan di giocarsela fino in fondo; l’assist per Giroud con cui ha pareggiato il gol di Immobile, all’Olimpico contro la Lazio; il gol che ha deciso la partita con la Fiorentina quando sembrava ormai avviarsi verso un pareggio pieno di rimorsi; quello che ha sbloccato la partita con l’Atalanta da molti indicata come l’unica partita in calendario che avrebbe potuto far perdere punti al Milan; i due assist con cui Tonali ha ribaltato il risultato a Verona con l’Hellas; e infine i tre assist che hanno chiuso il campionato – e sarebbero stati quattro se non fosse partito leggermente in fuorigioco prima di mettere (di sinistro, con la palla che rimbalzava) il cross sulla testa di Ibrahimovic. 

Lo scorso anno Leao era da molti indicato come esempio di giocatore bello ma futile, che avrebbe dovuto impegnarsi di più, concentrarsi sul calcio anziché su auto e musica (nel frattempo ha anche pubblicato il suo primo album). Alla fine di questa stagione però nessuno più oserebbe mettere in discussione la sua pericolosità, la capacità di decidere le partite con una singola giocata, aspettando il momento giusto con pazienza, scegliendo meglio rispetto a prima come finire le sue azioni. Dribbling lungolinea e cross di sinistro, oppure movimento in profondità e finalizzazione col destro, Leao è un rebus insolvibile per le difese avversarie che non possono limitargli tutte le opzioni contemporaneamente. In un mese di maggio in cui Inter e Milan hanno alzato l’asticella delle proprie prestazioni, Leao si è preso definitivamente lo scettro di miglior giocatore del campionato. E adesso sarà difficile toglierglielo.