Calciatore del mese Serie A gennaio 2024

Scritto il 08/02/2024
da l'Ultimo Uomo


DUSAN VLAHOVIC 👏👏👏

Gennaio è stato il mese della rincorsa della Juventus, prima dello showdown del Derby d’Italia. Ad esclusione del premonitore pareggio contro l’Empoli, la squadra di Allegri ha vinto tutte le partite disputate, comprese le due in Coppa Italia contro Salernitana e Frosinone, e la notizia è stato il ritorno del Dusan Vlahovic. Sei gol in quattro partite di campionato.

La vittoria del premio di calciatore del mese è stata però meno scontata di quanto le statistiche del centravanti serbo non raccontino. Il quartetto arrivato al voto includeva Albert Gudmunsson, autore di due gol che al Genoa sono valsi quattro preziosissimi punti, e Ruben Loftus-Cheek, centrale nel Milan di Pioli ormai anche a livello realizzativo, ma soprattutto Lautaro Martinez, la cui stagione titanica ha trovato per un mese qualcuno che potesse tenergli almeno numericamente testa (“solo” 5 gol realizzati dal “Toro” a gennaio). Nel voto la distanza tra l’attaccante della Juventus e quello dell’Inter è stata di appena due punti percentuali.

A gennaio il vento ha soffiato alle spalle di Vlahovic, facendo girare dalla sua parte tutti quei dettagli microscopici che fanno la differenza tra un momento di grazia e uno di frustrazione. A Salerno, nei minuti finali della partita, Vlahovic ha trasformato un cross non così teso in area in una girata di testa che sembra uscita dritta dritta dagli anni ‘90, mettendo in luce un talento di altri tempi e regalando una vittoria decisiva a Massimiliano Allegri. Il centravanti serbo ha saputo segnare in molti modi. Di sinistro, due volte, contro il Sassuolo, togliendosi lo sfizio di fare gol anche su punizione. In maniera sporca, contro il Lecce, con una conclusione schiacciata che è finita come per un incantesimo sotto il sette più lontano. Ma anche con quella determinazione che a volte sembra mangiare da dentro gli attaccanti, sfiorando di punta una torre di McKennie contro il Lecce e coordinandosi contro l’Empoli in un’area che pareva troppo affollata.

A gennaio l’idea che avevamo di Vlahovic e la realtà hanno iniziato finalmente a combaciare, ed è come se la Juventus avesse trovato finalmente il pezzo che le mancava.